Dicembre non venire

le mattine
da qualche giorno
mi lavo la faccia
ed è come se
non me la fossi lavata
prendo autobus a caso
per vedere cose a caso
la città da un capolinea all’altro
parlo molto ma da solo
lo smog si deposita sul vuoto
delle mie parole
echi lontani
agli angoli di strade
me le dico e me le scrivo
ritornano col rimbombo
fanno la barba ai monti
come le nuvole all’alba
sciolte al sole di dicembre
dicembre non venire
e se vieni portami lei
per regalo in dono
con la sua bocca livida
da baciare e tenere al caldo
rimarginare le crepe del suo labbro
portami la sua voce stridula
la sua allegria e i suoi abbracci
io non ho un camino
non scrivo mai lettere
ho la finestra aperta
il letto vuoto a metà
dicembre non venire
e se vieni ti prego
portala qua
Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.