Sogno marino

Facciamolo questo sogno marino
diamo adito alle liquide impellenze
lasciamo che siano i nostri corpi solidi
a sbattere contro l’un l’altro
come onda che schiaffa lo scoglio
come scoglio che si fa schiaffare
come sale del mare che prude
sulla pelle leccata, bagnata
da una bocca piena di plancton
lasciamo i respiri per altro
la lingua per altro, le labbra per altro
tutta la bocca per altro, per altro altrove
per altro ovunque, per tutto il tuo corpo
abbondante come isola duttile come acqua
parole non servono gemiti e urla semmai
rombi di cavalloni in tempesta, grida
di sirene eccitate nella nebbia dei nostri sudori
vortici e mulinelli, risucchi e mani mostruose
tentacoli che trattengono ovunque
ventose sulle curve e le pieghe
sulle punte e le crepe di nera roccia lavica
lasciami nel sogno essere un mostro
vivo e iperattivo, duro e non cattivo
duro assai, da durare tanto, da trafiggerti e
fiondarmi sottomarino nella fossa, nel tuo abisso
salti e sussulti, scrosci e dirupi, tonfi attutiti
scontri e ritorni affondi risospinti a galla
nel mare che si disperde, nel mare dopo la furia
nel cielo sereno che guarda e si specchia
blu nel blu, dove il dare dà di più
Facciamo questo sogno reale
lasciamoci andare
Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...