I miei ponti

Non chiudo mai i miei ponti.
A volte son lì lì per crollare,

poco mantenuti, logori
quasi inondati da fiumi in piena
o crepati dal sole
o rosi dal vento.
Con gli altri
non chiudo mai i miei ponti
nonostante il passaggio scarso,
quasi inesistente
e sempre possibile
nei giorni, negli anni…
Ogni tanto qualcuno lo vedo
con una pietra appesa al collo
indeciso su quel che fare
per poi ripensarci
a capo chino
e a casa ritornare.
Li attraverso poco i miei ponti,
poco li attraversano gli altri.
Ci si guarda
il più delle volte
da lontano.
Non chiudo mai i miei ponti.
Dal mio lato
è sempre aperto.
Annunci

2 thoughts on “I miei ponti

  1. I ponti sono fatti per essere attraversati e anche quelli più vecchi e logori sono pur sempre ponti. Qualcuno lo attraverserà per sbaglio, altri avranno paura di continuare e torneranno indietro. Ma i ponti sono aperti a chiunque, senza distinzioni, portano in luoghi che prima o poi saranno meta di qualcuno e ci saranno, allora, persone che lo attraverseranno senza indugio. Mantieni il tuo lato sempre aperto, perché i ponti logori e poco frequentati e corrosi dal sole sono il posto più affascinante dove capitare.

    Mantieni sempre aperto il ponte del tuo talento e delle tue parole: è il posto in cui preferisco stare ogni volta che sento di volermi rifugiare.

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...