Al parco

S’alza il vento tra gli alberi
del parco e frusciano.
Brillano al sole le foglie
lucide, vanno e vengono
come le stelle coperte
da nuvole passeggere.
Colonie di formiche
inondando il terreno
lo bucano. Alcune salgono
sopra ai corpi poco vestiti,
arrossati, accaldati, sudati.
Corpi che il vento asciuga.
Si librano nel cielo volatili
e una rondine solitaria
fa la barba al prato.
Un cane nero più in là
la fissa impotente.
Una donna e un uomo.
I capelli di lei, biondi,
lisci, lunghi
cadono al terreno
come i rami e le foglie
di quel salice laggiù
sopra il volto di lui
nascosto.
Piovono aghi di pino
come piove l’amore
di rado
per me.
Le coppie attorno si baciano,
le coppie attorno si svestono,
e poi si rivestono.
Si amano dolcemente, senza pudore.
Le coppie attorno si toccano.
Io al parco
nel silenzio spio
e scomodo mi rigiro
sul prato, all’ombra,
solo.
Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...