Mano a mano

Il suo corpo rotolava nella tromba delle scale, perché distratto e nervoso mise il piede un gradino più sotto e così perse l’equilibrio cadendo per avanti. Si fermò piuttosto presto quel suo corpo, vista la circolarità delle scale, ma la sua testa, purtroppo batté contro la ringhiera; egli perse i sensi. Nei suoi occhi spenti viaggiavano velocissime istantanee non della vita percorsa fino ad allora, ma piuttosto di una vita da lui desiderata. Era proiettato un film in bianco e nero, dove un alone paradisiaco faceva da sfondo ai fotogrammi. Si rivedeva in quella luce bianca sorridente e con in mano, un’altra mano. Era la mano della sua sposa, ed era il suo matrimonio. All’ospedale, un’altra mano nella sua mano, la loro bambina. Nello studio, di notte, mentre moglie e bambina dormivano, lui aveva dato la mano alla sua penna, una semplice biro nera. Nella mano stringeva un altro parto, il suo libro. Un libro fatto di sofferenze, d’un passato di sacrifici e rinunce. Nato dalla solitudine del passato, ora che non era più solo. Lo strinse a se…
L’ambulanza sfrecciava verso l’ospedale quand’ecco che egli si svegliò, come se avesse soltanto dormito, con la testa fasciata ed un male tremendo. Qualcuno col camice bianco gli teneva la mano. Una giovane infermiera gli teneva la mano, e lo guardava con sguardo rassicurante, dentro ai suoi occhi verdi. Qualcosa in lui cambio: e dopo l’incosciente film, e dopo quell’incontro. Con decisione strinse quella mano per non farla scappare. E la storia ci dice che non scappò. Chiese la sua mano, e mano nella mano andarono all’altare…
Annunci

7 thoughts on “Mano a mano

  1. Questo post è fantastico! M’hai fatto pensare ad una cosa fondamentale…che troppo spesso le istantanee che vedo sono sempre e solo ciò che ho già vissuto…ora è il momento, invece, di dare spazio al desiderato, per non farmi scappare quella mano e farmela riconoscere, quando la stringerò…

    Mi piace

  2. Una mano che si tende verso noi può
    racchiudere la visione di una vita cha abbiamo spesso anelata e mai avuta..
    Mai lasciar scivolare via una mano che, ci “chiama”.

    Davvero bella e originale
    Gina

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...