Esplosioni

Un silenzio irreale rimaneva sospeso sul mondo, e dentro questo denso etere ci galleggiavano come fossero atomi inconsistenti, persone di ogni luogo, ibernate in quello spazio. Ad ognuno erano state limitate le funzioni vitali ed anche i sensi ormai perdevano le loro funzioni peculiari, ad esclusione della vista, in realtà potenziata. Ceneri grigie e polveri marroni, spinte da caldi venti si confondevano nell’aria. Non si intravedeva il cielo e neanche la terra; e pure il mare era invisibile. Tutto era scomparso e rimaneva soltanto quello strato gassoso che cementificava ogni spazio libero ad una velocità pari quasi a quella della luce. Luce che andava spegnendosi. Tutte conseguenze di esplosioni nucleari. Fusioni del nocciolo che sincronizzate dal destino, scoppiarono nello stesso istante e contaminarono il mondo con flussi di radiazioni costanti. E quando si spensero tutti quei grandi incendi, non rimase che polvere. Nella polvere, prima della morte, ci guardammo negli occhi. Allora, in lacrime, capimmo la stupidità umana, e nulla più potemmo fare per limitare i danni…
Annunci

4 thoughts on “Esplosioni

  1. È una delle cose più profonde che abbia mai letto. Non solo scrivi bene, tu fai molto di più. Scrivi con il cuore e con saggezza.

    Grazie per aver scritto questo pezzo.

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...